Amianto lastre LamLamezia Terme, 14 ottobre 2015 - "Mani anonime e persone senza senso di appartenenza al proprio territorio hanno abbandonato all’incrocio di Sant’Ermia-San Minà grandi lastre di Eternit molto pericolose per la conseguente dispersione di fibre di amianto". Così, Antonio Mastroianni e Pierantonio Folino dell'associazione Libea Voce.

"L’episodio è ancora più grave - proseguono - se si considera che a pochissimi metri si trovano un campetto di calcio e una piccola Cappella con al suo interno la statua della Madonna dell’ Addolorata dove, spesso, si riuniscono gli abitanti del luogo anche per celebrare la Santa Messa. Un altro segnale di degrado e di inciviltà lo si nota sulla strada Prov. 102  ai margini del torrente in loc. S.Sidero dove si è formata una discarica a cielo aperto, nella quale viene abbandonato di tutto. Una situazione quest’ultima, che si protrae da diversi mesi ormai. Entrambi i casi sono stati già segnalati alle autorità competenti dall’associazione. Continua cosi lo scempio di chi non ha alcun rispetto per il prossimo e per l’ambiente con conseguente stato di abbandono dei rifiuti ed il mancato smaltimento che dovrebbe essere affidato a ditte specializzate. Cosi facendo - conclude la nota di Mastroianni e Folino - le spese ricadono più volte sulla collettività in termini economici, di salute e ambientali".