Fratelli dItalia AN logoLamezia Terme, 22 aprile 2016 - "Negli ultimi giorni la polizia locale di Lamezia Terme ha reso noto di aver avviato operazioni di controllo sugli obblighi dei conduttori di cani e di aver applicato le sanzioni adeguate". In merito alla vicenda interviene Teresa Vescio responsabile del dipartimento ambiente e agricoltura di Fratelli d'Italia.

“L’attività svolta dalla Polizia locale a tutela del decoro urbano rappresenta sicuramente una spinta maggiore al rispetto di quelle che sono elementari norme di convivenza. La raccolta delle deiezioni di animali domestici non è solo un dovere e un sintomo di civiltà, ma anche un obbligo giuridico. Nonostante le sanzioni siano giuste nei confronti di coloro che non rispettano tali norme, è bene precisare che sarebbe opportuno dotare la città di un maggior numero di raccoglitori di rifiuti, i cittadini stessi lamentano la distanza tra i pochi raccoglitori presenti, sicuramente per coloro intenzionati a rispettare le norme non è piacevole portare per lunghi tratti un sacchetto con deiezioni. Inoltre c’è da aggiungere che la legge 28 dicembre 2015, n. 221, Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, al capo VI “Disposizioni relative alla gestione dei rifiuti”,nell’art 40, ha introdotto l’art 232 bis (Rifiuti di prodotti da fumo),  il comma 1  nello specifico recita: I comuni provvedono a installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo. Poiché - conclude Vescio - dal 2 febbraio 2016 è entrato in vigore il provvedimento, sarebbe opportuno porre i cittadini nella condizione di poter ottemperare al provvedimento".