Piccioni punto incontroLamezia Terme, 5 novembre 2019 - Sportello di Protezione Civile e gestione attrezzata delle aree di attesa. Tra le proposte di “Cantiere Lamezia” per Rosario Piccioni sindacoUno sportello di protezione civile al Comune, per offrire informazioni e far conoscere le attività ai cittadini, non solo a ridosso dell’emergenza. Una gestione attrezzata delle aree di attesa,  con il coinvolgimento delle associazioni di volontariato.

Attività di informazione e comunicazione con i cittadini.Queste alcune delle proposte emerse dal focus su Protezione Civile e difesa del territorio svoltosi nei giorni scorsi al punto d’incontro di Rosario Piccioni candidato a sindaco, nell’ambito di “Cantiere Lamezia”, promosso dalle liste “Lamezia bene comune” e “Lamezia insieme”.Dai rappresentanti dell’associazione Radio Club Lamezia cb, Luigi Ruberto e Costanza Anania, alcune proposte “partendo dal piano di protezione civile comunale approvato nel 2013 che deve essere migliorato e soprattutto divulgato, fatto conoscere ai cittadini.  Nell’organizzazione comunale, servono figure ben identificate sulla tematica della protezione civile, formate in maniera specifica e che si occupino in particolare di questo aspetto. E’ auspicabile che il futuro sindaco trattenga per sé la delega alla Protezione Civile.  Bisogna agire tanto sul fronte della prevenzione quanto sul piano di una cultura della protezione civile, che non può essere delegata all’amministrazione comunale ma deve partire dai cittadini”.Il candidato a sindaco Rosario Piccioni ha fatto proprie le proposte dell’associazione: “un tema così complesso, che per primi abbiamo voluto affrontare in questa campagna elettorale, richiede da parte di tutte le forze politiche e da parte delle realtà associative presenti sul territorio un’attenzione costante e il coinvolgimento dei cittadini.  Parlare di Protezione Civile significa parlare della vita delle persone, della loro sicurezza. Un ringraziamento va ai volontari lametini che rappresentano un patrimonio morale di questa comunità. La prossima amministrazione dovrà valorizzare il lavoro di questi anni e soprattutto, come richiamato dai rappresentanti di RadioClub, dovrà mettere in condizione i cittadini di essere informati e di essere i primi protagonisti di un’azione di informazione e sensibilizzazione”.