Rifiuti sul corso LamLamezia Terme, 4 giugno 2020 - "Corso Numistrano ovvero la parte più bella o quantomeno la più importante e rinomata della città di Lamezia Terme. Tanti locali faticano ad aprire molti sono chiusi. Trovi tanti cartelli con la scritta fittasi sia su corso Numistrano che su corso Nicotera. Il commercio ,come tutte le altre attività, sperava in un aiuto concreto sia dalla regione che ha dimostrato quanto sia incapace con la presa in giro delle due mila euro a fondo perduto dato solo a chi sta già bene.Sia dal Comune che si dimostra del tutto impreparato. I fitti dei locali alle stelle, contributi del Comune?".

Così, in una dichiarazione, Rossana Cicchinelli di Lamezia Maltrattata che fa sua le denunce di Italia Nostra in tema di decoro urbano e spazi pubblici. "Fa da sfondo - prosegue - l'idea geniale della raccolta rifiuti che,per come le foto dimostrano, sono inaccettabili da un punto di estetico. Così come assurde appaiono alcune autorizzazioni dehors che hanno rovinato parte del corso fino al punto che a stento si passa con una carrozzina.

I rifiuti su corso Numistrano,come su altre aree della città, sono inoltre,fatto non meno grave,inaccettabili da un punto di vista igienico. A noi non piace che la regione,con l'avallo del Comune, voglia riaprire le due discariche chiuse e farne una terza. Lamezia Terme non può essere l'immondezzaio della Calabria. Come si giustifica la presenza di un assessore socio Fai che su questi temi ha scelto il silenzio? A mano che non ciao sfuggito qualcosa. Ben altra realtà ci propugna Italia Nostra sempre attenta su temi ambientali e di decoro urbano".