Nicolazzo Alfredo campoLamezia Terme, 5 settembre 2020 - È passato già un anno, ma è come se tu ancora fossi qui con noi con il tuo contagioso sorriso e la tua innata giovialità. Quanti ricordi e quante emozioni quando eravamo al Guido D'Ippolito a tifare per la nostra Vigor Lamezia, uno dei tuoi grandi amori. 

Con il tuo cappellino in testa e la radio della tua auto, che cantava il nostro inno, arrivavi ed era già festa, perché il tuo modo di essere ispirarava gioia ed allegria. Radio che non spegnevi neanche se avevamo perso, perché quella era la tua maniera di incutere coraggio e forza nonostante la momentanea sconfitta. 

La tua umiltà era pari al tuo impegno sociale, eri pronto sempre ad aiutare tutti. Spesso ci invitavi a venire con te per coltivare l'altro tuo amore: la Chiesa. Anche lì eri pronto al silenzioso servizio, accompagnato dal tuo splendido sorridere. Avevi anche un clacson personalizzato per abbracciarci, anche solo premendolo, quando passavi in auto, Nicolazzo Alfredo striscione1spesso in compagnia di tuo nipote Manuel che ha incarnato il tuo modo di essere.

Ed allora ciao Alfredino, ascoltando il nostro inno che vogliamo arrivi in alto ed in cielo sino a te, ti diciamo: "Anche lassù, d'avventura in avventura, la tua vittoria arriverà, ti porteremo sempre dentro il cuore e grazie per tutti gli stupendi momenti che ci hai regalato, sarai sempre con noi".

I tuoi amici