Tribunale Lamezia TermeGizzeria, 28 luglio 2017 - Questa mattina, militari del Nucleo operativo ecologico di Catanzaro, del Gruppo varabinieri forestale Catanzaro, della Guardia di finanza - stazione aereonavale di Vibo Valentia e della Capitaneria di porto - Guardia costiera di Vibo Valentia, hanno proceduto, in esecuzione a decreto emesso dal Gip presso il Tribunale di Lamezia Terme, su richiesta della procura della Repubblica, al sequestro di numerosi locali di proprietà di tre lidi balneari ubicati in Gizzeria località “Pesce e Anguille”.

Nel corso dei controlli, delegati dal procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio e dal Pm Giulia Scavello, è stato accertato che le strutture balneari presenti in tale località avevano  realizzato alcune opere senza le prescritte autorizzazioni. Tali accertamenti, effettuati nell’ambito di una più vasta attività d’indagine, finalizzata alla salvaguardia ambientale nel golfo di Lamezia, hanno determinato, tra l’altro,   una serie di controlli, congiuntamente  all’Arpacal di Catanzaro, di numerosi  depuratori presenti lungo tutta la fascia costiera, i cui esiti sono stati dettagliatamente comunicati all’Autorità giudiziaria. Il personale operante, nei prossimi giorni, proseguirà, senza soluzione di continuità, ad  ulteriori verifiche  delle strutture presenti nel comprensorio della procura di Lamezia Terme.