Paola Serafino32Conflenti, 18 gennaio 2020 - Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco di  Conflenti, Serafino Paola per l’emanazione, da parte della Regione, del Decreto relativo all’Avviso  pubblico per il sostegno di progetti di valorizzazione dei Borghi della Calabria mediante il quale si è proceduto alla pubblicazione della graduatoria dei Comuni aventi diritto al finanziamento.

Come si ricorderà, il Comune di Conflenti nello scorso mese di novembre aveva dato mandato allo studio dell’avvocato Alfredo Gualtieri di Catanzaro, per procedere nei confronti della Regione Calabria al fine di ottenere la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della graduatoria e la conclusione del procedimento di finanziamento. “Si tratta di una vittoria della nostra irriducibile tenacia -esordisce il sindaco- giacché la Regione, procedendo in maniera alquanto arbitraria e incomprensibile, dimostrava di voler venire meno alle finalità del bando soprassedendo al merito per ripartire i  fondi disponibili senza tenere conto della graduatoria,” Paola ricorda che la Regione, “stava procedendo a convocazioni “personali” dei Sindaci per “concordare” l’attuazione di interventi per i quali non risultavano assegnati finanziamenti con le modalità previste dal relativo bando. Insomma -aggiunge Paola-  grazie alla nostra solitaria battaglia per l’applicazione dei principi  di legalità e trasparenza, oggi ogni Comune, e non solo Conflenti, ha avuto, con la pubblicazione della graduatoria, il corretto riconoscimento dello sforzo profuso poiché si era chiaramente di fronte non solo ad una palese ingiustizia per il non tener conto della qualità dei progetti presentati, quanto ad una chiara violazione delle norme contenute nell’Avviso pubblico. Vi è da dire che Conflenti si posiziona tra i primi posti in graduatoria, con un ottimo punteggio, grazie ad un lavoro intenso effettuato nel corso degli ultimi anni che ha prodotto un’idea progettuale volta a rilanciare e valorizzare la storia, i costumi e le tradizioni della nostra Comunità. In particolare, il nostro progetto, che rientra tra quelli finanziati, consiste nel recupero e rifunzionalizzazione di alcune emergenze architettoniche di particolare interesse culturale, in quanto testimonianze, uniche e irripetibili, della tradizione rurale della Calabria. Si tratta di unità edilizie di piccola dimensione, in discreto stato di conservazione ma inutilizzate, presenti nel borgo antico di Conflenti Superiore, che hanno mantenuto i caratteri identitari originali e, tra esse, di particolare rilevanza vi è la Chiesa di San Nicola. Un progetto - conclude il sindaco - che prevede il potenziamento dell’offerta turistica e culturale, attraverso un’operazione di marketing territoriale finalizzata ad offrire occasioni di sviluppo e nuove opportunità occupazionali. Insieme agli aspetti legati al recupero architettonico, l’essenza del progetto è infatti rappresentata da una “filiera” di eventi che sono l’asse portante su cui si fonda l’idea di rivitalizzazione dell’antico Borgo. Attraverso un unicum di attività sociali, culturali, gastronomiche, religiose, folcloristiche, con un investimento di circa 1.500.000,00 di euro, si metterà in rete una naturale progressione di iniziative volte a richiamare l’attenzione sulle caratteristiche di straordinaria bellezza e sul riconosciuto fascino dell’antico borgo di Conflenti Superiore”.