zuccherificioLamezia Terme, 21 settembre 2011 - "La Soprintendenza per i Beni e le Attività culturali della Calabria con decreto n° 914 del 21 luglio 2011 ha apposto il vincolo sulle porzioni di terreno su cui insistono gli edifici storici dell’ex zuccherificio di Lamezia Terme". Ciò è avvenuto, è detto in una nota stampa - a seguito dell’azione promossa dal comitato spontaneo "nonbuttiamolozuccherificio". Comitato che ha inviato una lettera aperta al sindaco di Lamezia, al presidente del Consiglio comunale, agli assessori, consiglieri comunali e, per conoscenza, al direttore regionale beni culturali, nonché al ministero Attività culturali, per fermare la demolizione dell'ex-zuccherificio. "Come è noto, il comitato si costituì nel luglio del 2010 dopo che il Consiglio Comunale di Lamezia Terme deliberò l’approvazione di un progetto – presentato dalla società Cissel– che prevedeva la totale demolizione di tutti i manufatti esistenti. Il Comitato, senza mai opporsi ad un intervento edilizio e di risanamento dell’area, ne invocava la compatibilità con le esigenze collettive di tutela, osservando che la conservazione avrebbe favorito anche la stessa società proprietaria, stante il possibile accesso ai finanziamenti pubblici a ciò destinati. Nella relazione che accompagna il decreto di vincolo la Soprintendenza ha fatto proprie tutte le istanze avanzate dal comitato.Prescindendo da pur rilevanti considerazioni di merito sull’operato dell’Amministrazione Comunale e, soprattutto, sulle responsabilità dei dirigenti e dei tecnici che hanno istruito la pratica CISSEL evidentemente omettendo un quanto mai opportuno passaggio (la richiesta, cioè, di un parere preventivo della Soprintendenza), riteniamo che l’intera procedura amministrativa di approvazione di quel progetto debba oggi essere rivista. Infatti, alla luce del sopraggiunto decreto di vincolo, appare imprescindibile una nuova delibera del Consiglio Comunale, per consentire allo stesso organo che approvò il progetto originario di esaminare ed approvare le necessarie varianti che il progetto CISSEL dovrà subire. Come cittadini, infatti, crediamo che il nuovo pronunciamento sulle varianti di progetto da parte di tutti i Consiglieri (titolari della funzione di programmazione e controllo) costituisca un fondamentale passaggio per conferire piena trasparenza e regolarità al procedimento. Qualunque altra azione amministrativa, espressione di individuali iniziative da parte di Sindaco, Assessori o Dirigenti, avrebbe oggettivamente l’effetto di precludere la piena partecipazione democratica dei rappresentanti della comunità, trascurando fondamentali passaggi di legalità. Il Comitato chiede, pertanto, al sig. Sindaco di favorire il detto pronunciamento disponendo ogni atto per la discussione dell’argomento in una prossima seduta del Consiglio; un Consiglio che auspichiamo aperto (almeno in una sua prima parte) alla partecipazione della stessa Cissel, della Soprintendenza, di esperti della conservazione, anche al fine di favorire una conveniente informazione dei cittadini sulle varianti di progetto e sul rispetto del vincolo apposto. Chiede, nel contempo, a tutti i Consiglieri Comunali di farsi portatori della presente istanza e di richiedere a loro volta la convocazione di un Consiglio Comunale che affronti il tema dell’approvazione delle varianti.Siamo convinti –e riteniamo che ancor più lo siano tutti i destinatari della presente– che la crescita democratica della città passi anche da questo. Così come siamo convinti che la conservazione di questo e di altri beni culturali sia patrimonio politico e civile non solo dei componenti di un comitato,  né solo della Soprintendenza istituzionalmente preposta alla cura della materia, ma anche e soprattutto della cittadinanza, attraverso le istituzioni che direttamente la rappresentano. Confidando nella sensibilità del aindaco, degli amministratori e dei consiglieri comunali".