Sabato, 05 Dicembre 2020

Muraca Luigi10Lamezia Terme, 19 febbraio 2016 - Riceviamo e pubblichiamo. I dottori Costanzo e Tavella, rappresentanti del Comune di Lamezia Terme all’interno della Lamezia Multiservizi, hanno redatto una relazione semestrale del loro operato, nella quale si delinea un quadro della società esaustivo ma al contempo molto amaro. Comunque, delle questioni economico-finanziarie della Multiservizi mi sono già occupato, anche recentemente in occasione dell’incontro del Movimento Lamezia Unita con i vertici della società, per cui oggi, nella discussione che si è aperta, mi sembra il caso di portare un contributo sulla natura di alcune scelte strategiche che stanno alla base delle condizioni odierne dell’ente in house.

Nel dicembre del 2006, un quotidiano locale ospitò una mia riflessione, nella quale si ponevano alcuni interrogativi in merito alle decisioni da assumere a seguito della cessione delle quote di Sviluppo Italia, che stava per uscire dalla Multiservizi. A mio avviso era fondamentale mantenere l’apporto di altro socio tecnico, da individuare con procedura ad evidenza pubblica, e paventai il pericolo che “l’efficienza si appanna considerevolmente ed il riconoscimento dei meriti scema decisamente". Aggiunsi che la protezione dello status di società in house era solo un apparente vantaggio nell’affidamento diretto dei servizi ma c’era il rischio che la Multiservizi, uscendo dal mercato, sul quale aveva un grosso potenziale di competenze da spendere, “si ritirasse dall’alveo dell’economia, lasciando disperdere piccoli detriti di identità aziendale e competenza" ed ancora che la redditività, con l’uscita di un socio di elevato standing come Sviluppo Italia, potesse essere compromessa. Del resto, l’art.113 del TUEL (D. Lgs. N.267/2000 e modifiche seguenti ), al comma 12, prevede che l’ente locale possa cedere la propria partecipazione o parte di essa nelle società erogatrici di servizi mediante procedure ad evidenza pubblica. Non è un obbligo giuridico ma una facoltà dei soci al fine di valorizzare la partecipazione sociale. Se gli amministratori della Multiservizi ed il socio Comune di Lamezia Terme avessero compiuto la scelta di “sostituire” Sviluppo Italia con un socio di pari rango avrebbero potuto determinare nuovi scenari a favore della società, aprendosi al mercato. Peraltro, secondo una pronuncia del Consiglio di Stato (Sent. N.7368 del 13/12/2006), ove la partecipazione di un socio di minoranza avesse avuto un contenuto finanziario e non gestionale, non sarebbe venuta meno neanche l’opportunità degli affidamenti diretti da parte del Comune di Lamezia Terme. Sembra invece che questo sia stato l’elemento di maggiore preoccupazione degli amministratori di allora e naturalmente del socio Comune, quando invece sembrava preferibile, per il raggiungimento di finalità pubbliche, procedere all’individuazione di un partner strategico, ossia di un soggetto imprenditoriale dotato di idonea capacità economico-finanziaria e di specifiche competenze tecniche, il quale assumesse la titolarità della partecipazione minoritaria, al fine di perseguire un più efficace sviluppo delle attività di interesse pubblico. La facoltà di cedere le quote minoritarie in precedenza appannaggio di Sviluppo Italia, in un quadro di generale difficoltà finanziarie degli enti, avrebbe dato maggiore slancio alla Multiservizi, la quale ha professionalità qualificate al suo interno e peculiarità uniche in Calabria, ed avrebbe potuto avere l’ambizione di occupare ampi spazi di mercato, anche negli enti locali calabresi. Mi sembrava un percorso di valorizzazione della società adeguato, non solo per la possibilità di ricorrere al libero mercato ma uno strumento rilevante per alleggerire la posizione contabile dell’Ente, recuperando risorse dalla cessione delle quote. Bisogna ammettere, senza alcun intento polemico, che forse ci si è adagiati sul fatturato proveniente dalla gestione dei rifiuti, mentre sarebbe stato utile invece diversificare le attività (per sua natura la Multiservizi poteva davvero essere poliedrica), anche vincendo le gare in ambito regionale ed avendo una verifica costante di produttività. Purtroppo, gli esperti del settore, in un recente studio condotto dal Sole 24 ore, evidenziano che le societàin house che hanno partners di elevate capacità tecniche e finanziarie, stanno meglio finanziariamente ed hanno avuto nel corso degli anni migliori risultati gestionali. Questo ci porta ad interrogarci sull’ipotesi di parziale privatizzazione lasciata sfumare che, in quel momento, poteva essere un’opzione da valutare meglio, anche in considerazione delle condizioni attuali della Multiservizi che, secondo la disamina di Costanzo e Tavella, non inducono certo all’ottimismo.

Luigi Muraca
Capogruppo Lamezia Unita

Ospedale Lamezia, potenziato reparto Oncologia

Ospedale Lamezia, potenziato reparto Oncologia

Lamezia Terme, 5 dicembre 2020 - Potenziato il reparto di Oncologia presso l'ospedale cittadino. E' quanto si legge in una nota congiunta Terza Commissione consiliare,...

Lamezia, Franco Lucia coordinatore cittadino del Pd

Lamezia, Franco Lucia coordinatore cittadino...

Lamezia Terme, 5 dicembre 2020 - Alla presenza del Commissario regionale del Pd della Calabria, Stefano Graziano, del segretario di Federazione Gianluca Cuda, del responsabile...

Coronavirus, in Calabria oggi 306 nuovi positivi

Coronavirus, in Calabria oggi 306...

Catanzaro, 5 dicembre 2020 - In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 367.635 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 378.383 (allo stesso...

 Lamezia, Gianturco su buoni spesa: gestione in evidente ritardo. Utilizzare piattaforma Welfare Calabria

Lamezia, Gianturco su buoni spesa:...

Lamezia Terme, 5 dicembre 2020 -  “Per superare la difficoltà gestionale di un nuovo bando dovuto alla carenza di personale e all’evidente ritardo nell’erogazione, invito...

Lamezia, elevate 26 sanzioni per abbandono illecito di rifiuti

Lamezia, elevate 26 sanzioni per...

Lamezia Terme, 5 dicembre 2020 - Sono 26 le sanzioni per abbandono illecito di rifiuti elevate da personale della Polizia locale di Lamezia Terme a...

Regione Calabria, sbloccati i 136 mln del bando borghi

Regione Calabria, sbloccati i 136...

Catanzaro, 4 dicembre 2020 - «Ce l’abbiamo fatta. In sei mesi siamo riusciti in una operazione che sembrava impossibile. Oggi mettiamo la parola fine al bando...

Coronavirus, oggi in Calabria 335 nuovi positivi e 7 decessi

Coronavirus, oggi in Calabria 335...

Catanzaro, 4 dicembre 2020 - In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 364.826 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 375.413 (allo stesso...

Lamezia, oggi in città 8 nuovi positivi e 12 guarigioni

Lamezia, oggi in città 8...

Lamezia Terme, 3 dicembre 2020 - Comunicati oggi dall’Asp 8 nuovi casi di positività, posti in isolamento domiciliare.

CITTA'

Ospedale Lamezia, potenzi...

05 Dicembre 2020
Ospedale Lamezia, potenziato reparto Oncologia

Lamezia Terme, 5 dicembre 2020 - Potenziato il reparto di Oncologia presso l'ospedale cittadino. E'...

LAMETINO

Conflenti, progetto Mural...

02 Novembre 2020
Conflenti, progetto Murales in via Butera sulla storia del Santuario e sulle apparizioni della Madonna Quercia di Visora

Conflenti, 2 novembre 2020 - Riunione, in video conferenza, della Commissione nominata dall'Amm...

CALABRIA

Coronavirus, in Calabria...

05 Dicembre 2020
Coronavirus, in Calabria oggi 306 nuovi positivi

Catanzaro, 5 dicembre 2020 - In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 367.635 soggetti per u...

SPORT

Vigor Lamezia, successo p...

10 Novembre 2020
Vigor Lamezia, successo per lo spot sociale sull'utilizzo della mascherina

Lamezia Terme, 10 novembre 2020 - Grande successo in rete e sui media nazionali per lo spot sociale,...

contatti logo

Copyright 2020 © LAMEZIA TERME NEWS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Lamezia Terme
Reg. Stampa n° 7/10 del 3.12.2010
Editore: Asd Violetta Club - PI: 02148570795

logo amp

Web By ALGOSTREAM