Venerdì, 24 Maggio 2019

Polizia auto da dietro26Lamezia Terme, 7 aprile 2017 - La polizia ha arrestato due giovani, Davide Belville, 22 anni e Francesco Gigliotti, 28 anni, ritenuti presunti responsabili dell'atto intimidatorio nei confronti dell'esercio commerciale "Il Fornaio" avvenuto a Lamezia il 30 marzo scorso in via Adige.

I due giovani sono stati fermati questa mattina da agenti del commissarriato lametino insieme ai colleghi della Mobile di Catanzaro. L'ordinanza è stata emessa dalla Dda di Catanzaro. I particolari dell'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30 a Catanzaro, alla quale parteciperanno il procuratore della Repubblica di Lamezia Terme Salvatore Curcio e il procuratore aggiunto di Catanzaro Giovanni Bombardieri. I due sono accusati dei reati di danneggiamento, possesso di esplosivo ed esplosioni pericolose, aggravate dalla metodologia mafiosa. Inoltre, per via di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, disposta dal Gip lametino su richiesta del Procuratore della Repubblica, Curcio, sono ccusati anche dei reati di tentata rapina aggravata e furto aggravato in abitazione. Le misure cautelari sono state disposte in base alle attività investigative compiute dalla polizia. In particolare sono partite fin dal 10 marzo scorso, quando due persone, che poco prima si erano resi responsabili di un furto in abitazione, si introdussero, dopo aver divelto la porta di ingresso, nell’abitazione, poco distante, di un’anziana donna alla quale, sotto minaccia e malmenandola pesantemente, intimarono di consegnare soldi e gioielli salvo poi fuggire a causa del sopraggiungere di un’autovettura. Quelle indagini consentirono di identificare, come possibili autori dei gravi fatti Belville e Gigliotti, immortalati da telecamere di sorveglianza poco dopo la commissione del reato, a carico dei quali la procura della Repubblica di Lamezia Terme disponeva tutta una serie di approfondimenti investigativi, anche a mezzo di intercettazioni. Proprio quelle attività tecniche permettevano agli investigatori di acquisire significativi elementi in ordine al coinvolgimento di Belville e di Gigliotti nell’attentato dinamitardo perpetrato il 30 marzo alla panetteria “Il Fornaio”.  Squadra Mobile e del commissariato di Polizia lametino, riuscivano, attraverso l’analisi dei filmati registrati da numerose telecamere cittadine, a ricostruire il percorso effettuato dagli autori del danneggiamento per giungere sul luogo del delitto, riscontrando i dati di sospetto emersi dai rapporti telefonici fra Belville e Gigliotti intercorsi poco prima dell’esplosione. In effetti le registrazioni e le immagini dimostrano come i due giovani, dopo essersi accordati telefonicamente, si incontrino nei pressi della abitazione di Belville, attraversino la città a bordo di un motorino condotto da Gigliotti e, giunti in via Piave, collochino l’ordigno e si diano alla fuga senza quasi curarsi della presenza, nei pressi, di persone che solo per un caso fortunato non sono rimaste coinvolte nell’esplosione che certamente poteva determinare conseguenze ancor più gravi.

Mascaro: plauso per celerità indagini. Non c'è spazio per chi delinque

“La città si è oggi risvegliata apprendendo la bella notizia che i presunti responsabili del vigliacco attentato che nella sera del 30 marzo scorso aveva scosso ancora una volta la coscienza dei cittadini onesti e che aveva duramente messo alla prova lavoratori seri ed instancabili sono stati assicurati alla giustizia. Pur nel doveroso rispetto del principio di innocenza, non può non manifestarsi il più grande compiacimento per la celerità delle indagini e per la pronta risposta fornita dallo Stato al nostro territorio. E' questa l'ulteriore conferma del grande lavoro che le forze dell'ordine e la magistratura stanno quotidianamente portando avanti nella nostra città e non posso non ringraziare, a nome dell'intera collettività, quanti stanno incessantemente destinando ogni loro energia a contrastare i fenomeni criminali. E' questa l'ulteriore conferma che a Lamezia oramai non vi è più spazio per chi delinque e per chi crede di poter ancora far ripiombare il territorio nella barbarie e nello sconforto. E' bello oggi vedere che, a distanza di soli sette giorni dall'attentato, la famiglia Angotti è al lavoro, confortata dalla solidarietà e dall'affetto dell'intera città, mentre i presunti autori del gesto sono stati assicurati alla giustizia, pronti a meditare per lunghi anni, se colpevoli, sull'erroneità della azione condotta e sull'erroneità della scelta di vita sinora operata. Ancora una volta  si è dimostrato che Lamezia è pronta a reagire e che Lamezia sa isolare vigliacchi, delinquenti e violenti. Questa è la strada giusta, questa è la strada da seguire: basta criminalità e violenza nella nostra terra.

Paolo Mascaro
Sindaco Lamezia Terme

 

Lamezia, sequestrati prodotti contraffatti e pericolosi

Lamezia, sequestrati prodotti contraffatti e...

Lamezia Terme, 23 maggio 2019 - Una serie di prodotti contraffatti sono stati posti sotto sequestro dai “Baschi verdi” del Gruppo di Lamezia Terme, nell’ambito...

Regione, Oliverio: film su strage Duisburg è rappresentazione distorta della Calabria

Regione, Oliverio: film su strage...

Catanzaro, 23 maggio 2019 - Il presidente della Regione, Mario Oliverio, all’indomani della messa in onda del film-tv  che racconta i tragici fatti del Ferragosto...

Lamezia, donne "furiose" in aeroporto arrestate da polizia e carabinieri

Lamezia, donne "furiose" in aeroporto...

Lamezia Terme, 23 maggio 2019 - Due donne di origine straniera, di cui una con cittadinanza italiana, nel pomeriggio di ieri, con la pretesa di...

Catanzaro, conclusa 19a edizione progetto Icaro. Campagna della Polizia di Stato sulla sicurezza stradale

Catanzaro, conclusa 19a edizione progetto...

Catanzaro, 22 maggio 2019 - Nei giorni scorsi si sono conclusi gli incontri del progetto Icaro per la provincia di Catanzaro, campagna sulla “Sicurezza Stradale”...

Lamezia, giovedì 30 maggio incontro-evento: “La Calabria cambia passo”

Lamezia, giovedì 30 maggio incontro-evento:...

Lamezia Terme, 22 maggio 2019 - “La Calabria cambia passo: investimenti, sviluppo e occupazione in Calabria”: è questo il titolo di un evento organizzato dalla...

Lamezia, D'Ippolito (M5S) incontra Cotticelli per rilanciare ospedali del territorio

Lamezia, D'Ippolito (M5S) incontra Cotticelli...

Lamezia Terme, 22 maggio 2019 - "Il commissario alla Sanità calabrese, Saverio Cotticelli, ha preso l'impegno di promuovere il rilancio degli ospedali di Lamezia Terme...

Riscuotevano pensione defunti, uno anche Reddito cittadinanza: 2 denunce. E' accaduto nel Catanzarese

Riscuotevano pensione defunti, uno anche...

Catanzaro, 22 maggio 2019 - Riscuotevano indebitamente da molti anni la pensione, rispettivamente della madre e della suocera entrambe decedute, e uno di loro aveva...

Calabria, Tar annulla l'esclusione di Riace dallo Sprar

Calabria, Tar annulla l'esclusione di...

Riace, 21 maggio 2019 - Il Tar della Calabria sezione di Reggio Calabria, accogliendo il ricorso del Comune, ha annullato il provvedimento del Ministero dell'Interno che...

CITTA'

Lamezia, sequestrati prod...

23 Maggio 2019
Lamezia, sequestrati prodotti contraffatti e pericolosi

Lamezia Terme, 23 maggio 2019 - Una serie di prodotti contraffatti sono stati posti sotto sequestro...

LAMETINO

Cortale, festa grande per...

20 Maggio 2019
Cortale, festa grande per i 100 anni di nonna Vincenzina

Cortale, 20 maggio 2019 - Grande festa nell'Rsa “Villa Elisabetta” di Cortale. Domenica 19 maggio, V...

CALABRIA

Regione, Oliverio: film s...

23 Maggio 2019
Regione, Oliverio: film su strage Duisburg è rappresentazione distorta della Calabria

Catanzaro, 23 maggio 2019 - Il presidente della Regione, Mario Oliverio, all’indomani della messa in...

SPORT

Ginnastica ritmica, la la...

12 Maggio 2019
Ginnastica ritmica, la lametina Simona Villella convocata per gli Europei

Lamezia Terme, 12 maggio 2019 - Simona Villella convocata per i 35esimi Europei di ginnastica ritmic...

contatti logo

Copyright 2018 © LAMEZIA TERME NEWS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Lamezia Terme (Cz)
Reg. Stampa n° 7/10 del 3.12.2010
Direttore responsabile: Antonio Cannone
Editore: Asd Violetta Club - PI: 02148570795

logo amp

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}