Lunedì, 18 Marzo 2019

De Biase Salvatore11Lamezia Terme, 15 marzo 2019 - “Partiamo da un dato di fatto: l’ospedale di Lamezia è presente, come risulta dalla proposta di legge approvata in Consiglio regionale e pubblicata sul Burc, nell’integrazione dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio con il Policlinico Universitario Mater Domini di Catanzaro. Eventuali profili di illegittimità del provvedimento, che non saremo certo noi a decretare, non possono farci rimanere inerti senza cercare di far acquisire al "Giovanni Paolo II" il ruolo che merita”.

Sono le parole del presidente del Consiglio comunale di Lamezia Terme, Salvatore De Biase. “In questo momento è, quindi, necessario sedersi ai tavoli istituzionali che contano – continua - per far valere le ragioni di una città che non può subire mortificazioni, anzi deve essere oggetto di grande attenzione per la sua posizione strategica, in un settore delicato come quello della sanità. Possibile che Lamezia, fin dalla sua nascita non si trova mai d’accordo sui grandi temi che la vedono interessata? E’ una storia che inizia dal 1968, quando si parlava di fusione delle tre realtà urbane, e l’entusiasmo non pervase tutto e tutti. Oggi si parla di fusione sanitaria e l’unità di vedute a favore o contro il provvedimento non si percepisce neanche in tale circostanza. E’ chiaro che la diversità di opinioni è alla base della democrazia, ma se nel caso specifico, i tanti che protestano si fossero interessati prima che la legge sulla fusione sanitaria fosse stata approvata, esprimendosi con concretezza e proposte, e non solo con un ‘si’ o con un ‘no’, forse ci troveremmo tutti d’accorso sull’una o sull’altra posizione. Invece interveniamo sempre dopo, quando cioè i fatti sono accaduti. Questo è il male di Lamezia. Occorre sempre adoperarsi successivamente per rimarginare le ferite. Avrei preferito che la lungimiranza, la forza, la determinazione, la capacità politica della deputazione lametina, avesse inciso prima ancora di vedere una legge approvata e un risultato da inseguire. E’ chiaro – aggiunge De Biase - che rimane l’incompiutezza di un provvedimento, quello dell’integrazione dell’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio e Mater Domini, che da una parte determina precise funzioni per i nosocomi presenti nel capoluogo di regione, sia di assistenza che di ricerca, mentre dall’altra non chiarisce affatto le prospettive e i compiti dell’ospedale lametino, anzi li ignora completamente. La legge, infatti, cita l'ospedale della città della piana una sola volta, nel quarto comma dell'articolo 1, specificando che ‘in attesa del complessivo riordino organizzativo del sistema delle aziende del servizio sanitario regionale, il protocollo d'intesa, di cui al comma 3, prevede l'integrazione del presidio ospedaliero Giovanni Paolo II di Lamezia Terme con l'Azienda Ospedaliero-Universitaria Mater Domini-Pugliese Ciaccio. Praticamente non specifica nulla sul futuro dell’ospedale che investe un’area di centocinquantamila persone. Lamezia, in ogni caso, è presente nel provvedimento – sottolinea il presidente De Biase - ed il suo ruolo dovrà pesare negli atti di protocollo, nell’atto aziendale e incidere con le forze in campo che determineranno le scelte: il commissario ad acta Saverio Cotticelli, il presidente della Regione Mario Oliverio, il delegato alla sanità Franco Pacenza, il dirigente generale Antonio Belcastro, il rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro Giovambattista De Sarro ed altri. Noi, invece di apparire contro o a favore della proposta, dovremmo interessarci su come esserci e contare e, oltretutto, con quali proposte pesare ed essere ascoltati. Per Lamezia si ipotizza il centro traumatologico collegato al centro protesi Inail. Chiediamo agli attori interessati come la Regione Calabria possa sostenere tale iniziativa, a breve, medio o lungo termine, e quali sono gli atti concreti per realizzarla. Verba volant, scripta manent: la locuzione latina cade a pennello in tale circostanza. Se Lamezia resta fuori ancora una volta, i forti saranno più forti e i deboli sfracelleranno. E’ arrivato il momento – tiene a precisare il presidente del consiglio comunale - di entrare in campo e far valere le nostre sacrosante ragioni. Stare tutti dalla stessa parte può portare alla vittoria, altrimenti la partita è già persa in partenza. Ricordo un aforisma che i fautori della fusione sanitaria usavano come slogan: ‘aspettate che i grandi discutono e poi parlano i piccoli. Evitiamo che ciò accada. Facciamo valere, compatti, le nostre ragioni. Si riconoscano all’ospedale ‘Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme - conclude De Biase - le funzioni che merita. Non escludiamo un nosocomio che, per la sua posizione baricentrica, è funzionale all’intera regione. Non è poco quando si parla di sanità”.

Comune Lamezia, commissione analizza contratto igiene urbana: va rivisto

Comune Lamezia, commissione analizza contratto...

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - In data odierna - è scritto in una nota - si è riunita la prima Commissione consiliare permanente Affari...

Lamezia, incidente mortale sull'autostrada

Lamezia, incidente mortale sull'autostrada

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - Un uomo, di cui non si conosce l'identità, è morto dopo essere stato investito da un camion lungo la carreggiata...

Lamezia, dal consigliere Nicola Mastroianni lettera al sindaco su stato degrado parchi e aree verdi

Lamezia, dal consigliere Nicola Mastroianni...

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - Riceviamo e pubblichiamo. Egregio signor sindaco,la situazione di degrado ambientale e la mancata manutenzione dei parchi comunali e delle...

Lamezia, Gigliotti (Italia Nostra) denuncia abbandono e degrado al Parco Impastato

Lamezia, Gigliotti (Italia Nostra) denuncia...

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - "Come si può permettere che il Parco Peppino Impastato da gioiello ed orgoglio venga ridotto ad uno stato di...

Comune Lamezia, Piccioni: Consiglio paralizzato da questioni tutte interne alla maggioranza

Comune Lamezia, Piccioni: Consiglio paralizzato...

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - "E' ormai passato un mese dalla sentenza del Tar Lazio che ha annullato lo scioglimento e legittimato il ritorno...

Lamezia, operativa la nuova sede del Centro servizi volontariato

Lamezia, operativa la nuova sede...

Lamezia Terme, 15 marzo 2019 - E' operativo lo sportello territoriale del Centro servizi al volontariato di Lamezia Terme. Dopo quasi quattro anni dalla chiusura...

Lamezia, operazione Movida: revocate misure cautelari per Arzente e Caruso

Lamezia, operazione Movida: revocate misure...

Lamezia Terme, 17 marzo 2019 - Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lamezia Terme, Emma Sonni, ha accolto l’istanza di revoca delle...

Reggio Calabria, patto 'ndrangheta-mafia per l'omicidio Scopelliti: 17 indagati. C'è anche Matteo Messina Danaro

Reggio Calabria, patto 'ndrangheta-mafia per...

Reggio Calabria, 17 marzo 2019 - La Procura distrettuale di Reggio Calabria ha indagato 17 tra boss e affiliati a cosche mafiose e di 'ndrangheta...

CITTA'

Comune Lamezia, commissio...

18 Marzo 2019
Comune Lamezia, commissione analizza contratto igiene urbana: va rivisto

Lamezia Terme, 18 marzo 2019 - In data odierna - è scritto in una nota - si è riunita la prima Commi...

LAMETINO

Gizzeria Lido, chiosco ba...

16 Marzo 2019
Gizzeria Lido, chiosco bar distrutto da incendio

Gizzeria Lido, 16 marzo 2019 - Una squadra dei Vigili del fuoco di Lamezia Terme è intervenuta quest...

CALABRIA

Reggio Calabria, patto 'n...

17 Marzo 2019
Reggio Calabria, patto 'ndrangheta-mafia per l'omicidio Scopelliti: 17 indagati. C'è anche Matteo Messina Danaro

Reggio Calabria, 17 marzo 2019 - La Procura distrettuale di Reggio Calabria ha indagato 17 tra boss...

SPORT

Judo, Pierluigi Vono e Vi...

19 Febbraio 2019
Judo, Pierluigi Vono e Vincenzo Franceschi qualificati alla finale del campionato nazionale  cadetti di Ostia

Lamezia Terme, 19 febbraio 2019 - Doppia qualificazione per la societa’ sportiva Asd Lamezia Te...

contatti logo

Copyright 2018 © LAMEZIA TERME NEWS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Lamezia Terme (Cz)
Reg. Stampa n° 7/10 del 3.12.2010
Direttore responsabile: Antonio Cannone
Editore: Asd Violetta Club - PI: 02148570795

logo amp

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}