Giovedì, 12 Dicembre 2019
Benincasa_Teresa4Lamezia Terme, 25 novembre 2011 -  Riceviamo e pubblichiamo. La città non è al sicuro. La politica è un’officina di bugie dettate per coprire le sue mancanze. La società non gode di uno spettacolo che possa dare soddisfazione né gioia. Ci sono accapigliamenti quotidiani anche da persone che non ti aspetti che si acciuffano con reciproca arroganza e colpi bassi. Ci sono tecnici e collaboratori nervosi perché hanno interessi da tutelare stando zitti e facendo in fretta. Ci sono cittadini inascoltati e senza voce. E ci siamo anche noi, consiglieri che vorrebbero rappresentare la città al di fuori della schermaglia, e sono affranti. Ci riconosciamo dentro e fuori i luoghi comuni guardandoci negli occhi. Qualcosa di poco propizio, nostro malgrado, sta attraversando l’amministrazione. Qualcosa che sta togliendo il respiro alla politica e rischia di imbavagliare la città ancora una volta.  Osservo le difficoltà del sindaco e senza una ragione valida provo verso di lui un dispiacere. Non ha compreso che ci sono persone che fanno politica sana e lui da sindaco avrebbe il dovere di ascoltarli. Ci sono persone a destra e a sinistra impegnate davvero per la città e lui non vuole comprenderlo. Politicamente sono indicative le dimissioni dalla Giunta di un assessore tridimensionale come Tano Grasso. Da giornalista davanti alla matassa intricata ho sempre usato la logica e le dimissioni di Tano, per il modo in cui sono state mostrate, sono il filo di un colpo di scena deciso da chi anticipa quello che sta per diventare un destino obbligato. Forse ricevendo segnali negativi ha costruito per sé e il suo gruppo la via d’uscita da un inglorioso epilogo. In Italia possono restare senza benzina e senza tutela le macchine dei magistrati e delle forze dell’ordine, ma chi gestisce da vent’anni il Fondo per le vittime del racket non può restare senza scorta. Non sono interessata all’esistenza di Tano Grasso che sembra cavarsela da campione. Ho la fortuna di avere ricevuto dalla mia famiglia insegnamenti essenziali per capire che quello che conta nella vita è amare e guardare avanti.  E in politica, da consigliere comunale, ho avuto la medesima lezione: quello che condanna Lamezia e rischia di travolgere il suo futuro è l’odio, il fatto di essere votata su un progetto politico senza amore, con orizzonti mascherati,  aggrovigliato da veleni e vendette, senza verità. Un vero inferno in cui la frattura più pericolosa è quella che separa la consapevolezza dei cittadini dalla possibilità di scegliere;  è quello che confonde il bene dal male disunendo il dire dal fare;  è quello che sovverte il ruolo delle istituzioni, scoraggiando la partecipazione civile e aumentando la distanza della società dalla politica.
La crociera iniziata nel 2006 tessendo maggioranze tecniche su obiettivi politicamente scorretti  volge al suo naturale declino.  Non so se il sindaco se la sente. La città ha bisogno di conoscere la verità, di cambiare la rotta e lui deve decidere con tutta onestà se gettare a mare la speranza dei cittadini o la cattiva fede di quegli intoccabili che stanno ipotecando il futuro sostenibile della nostra città.  Ci sono leggi dettati dalla misura che non possono essere delegati sempre alle procure. Per costruire un futuro da cristiani bisogna agire dando forza ai più deboli. Vorrei dirle che bisogna essere innamorati profondamente di questa terra per avere il coraggio di odiare i suoi errori. La mia esperienza con la sua amministrazione è costellata da scontri ma personalmente e politicamente mi sono scontrata con alcune posizioni nella misura in cui ho lottato per cambiarle, senza riuscirci. Senza l’amore che ho non avrei mai avuto il coraggio di odiare le cose con le quali mi sono scontrata. Sento la politica nel cuore. Provo dispiacere profondo ma non solitudine. Perché siamo molti ad avere compreso che è l’assenza o la parvenza di politica ad essere la condizione più fragile per l’avvenire di Lamezia. Solo la partecipazione consapevole della società riuscirà a riportare la politica sui binari del bene comune. Nel frattempo il sindaco compia il suo dovere e provveda a garantire i diritti dei cittadini inibendo le speculazioni dei piani superiori. Fino a quando si serve un’ideologia si può essere scusabili. Dia un segnale il sindaco assumendosi le sue responsabilità davanti alla crisi della sua amministrazione, adoperando il buon senso del padre di famiglia per evitare che lo “sfasciume pendulo sul mare”, a Lamezia sia anche quello morale. Avanti ciascuno con animo e coraggio.

Teresa Benincasa
consigliere comunale
Lamezia Terme

Lamezia, il 18 dicembre presentazione del masterplan progetto Waterfront e Porto turistico

Lamezia, il 18 dicembre presentazione...

Lamezia Terme, 11 dicembre 2019 - Nel corso di un incontro svoltosi presso la Cittadella regionale, il sindaco di  Lamezia Terme, Paolo Mascaro ha firmato il Protocollo...

Lamezia, presunto voto di scambio: assolto Luigi De Sarro

Lamezia, presunto voto di scambio:...

Lamezia Terme, 11 dicembre 2019 - Il Tribunale di Lamezia Terme ha assolto Luigi De Sarro "per insussistenza del fatto". La vicenda trae origine da un'inchiesta...

Neve in Sila, mezzi al lavoro per garantire circolazione

Neve in Sila, mezzi al...

Cosenza, 11 dicembre 2019 - Si stanno registrando nevicate intense nella Sila cosentina, con precipitazioni più intense, in particolare, a San Giovanni in Fiore, Colosimi...

Lamezia, Furgiuele presenta ordine del giorno sul campo Rom

Lamezia, Furgiuele presenta ordine del...

Lamezia Terme, 10 dicembre 2019 - Un ordine del giorno sul campo Rom di Scordovillo con il quale "impegna il Governo "ad adottare tutti gli...

A Brescia 27 indagati del clan Bellocco

A Brescia 27 indagati del...

Brescia, 10 dicembre 2019 - La procura distrettuale antimafia di Brescia ha iscritto 27 persone nel registro degli indagati nell'ambito di un'inchiesta parallela a quella...

Lamezia, campagna Cei "Insieme ai sacerdoti" con don Giacomo Panizza

Lamezia, campagna Cei "Insieme ai...

Lamezia Terme, 10 dicembre 2019 - Nel mese per il sostentamento del clero si richiama l’attenzione sul ruolo delle Offerte deducibili e si ricorda ai fedeli...

Lamezia, viceministro Cancelleri rende omaggio ai ciclisti morti nel 2010

Lamezia, viceministro Cancelleri rende omaggio...

Lamezia Terme, 9 dicembre 2019 - Giancarlo Cancelleri, viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti ha reso omaggio con una corona di fiori al monumento che...

Lamezia, obbligo di dimora per un 41enne

Lamezia, obbligo di dimora per...

Lamezia Terme, 9 dicembre 2019 - Durante un servizio predisposto per la prevenzione dei reati in genere ed in particolare dello spaccio di sostanze stupefacenti,...

CITTA'

Lamezia, il 18 dicembre p...

11 Dicembre 2019
Lamezia, il 18 dicembre presentazione del masterplan progetto Waterfront e Porto turistico

Lamezia Terme, 11 dicembre 2019 - Nel corso di un incontro svoltosi presso la Cittadella region...

LAMETINO

Conflenti, sindaco Paola...

18 Novembre 2019
Conflenti, sindaco Paola chiude querelle su scuola Passo Ceraso: i documenti vanno letti per intero per coglierne il significato

Conflenti, 18 novembre 2019 - “Finalmente è uscito fuori questo benedetto “decretum principis”....

CALABRIA

Neve in Sila, mezzi al la...

11 Dicembre 2019
Neve in Sila, mezzi al lavoro per garantire circolazione

Cosenza, 11 dicembre 2019 - Si stanno registrando nevicate intense nella Sila cosentina, con precipi...

SPORT

Lamezia, al Chiostro San...

08 Dicembre 2019
Lamezia, al Chiostro San Domenico prima assemblea soci Vigor 1919

Lamezia Terme, 8 dicembre 2019 - La società Vigor 1919 comunica di aver indetto per mercoledì 11 dic...

contatti logo

Copyright 2018 © LAMEZIA TERME NEWS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Lamezia Terme (Cz)
Reg. Stampa n° 7/10 del 3.12.2010
Editore: Asd Violetta Club - PI: 02148570795

logo amp

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}