Domenica, 08 Dicembre 2019

Fumi tossici

  • Forza nuova scordovilo uccideLamezia Terme, 11 settembre 2015 - Nella notte i militanti di Forza Nuova hanno affisso in vari punti della città striscioni recanti la scritta:"Scordovillo uccide". Frase - è scritto in una nota - tanto emblematica quanto eloquente di tutto ciò che il campo rom è ormai per Lamezia, tenuta sotto scacco da gruppi di delinquenti che ogni giorno ormai provocano roghi all’interno della bindoville facendo bruciare di tutto in quel ricettacolo di illegalità che si trova a due passi dal commissariato di Pubblica sicurezza e a ridosso dell’ospedale cittadino, mettendo altresi in serio rischio il regolare funzionamento delle sale operatorie per via dei fumi alla diossina che si sprigionano nell’aria danneggiando i filtri delle condotte d’aria condizionata.

  • Fumi Rom 300Lamezia Terme, 11 luglio 2019 - Ancora un rogo in queste ore dal campo Rom di Scordovillo che sta inquinando tutta la città. Una colonna di fumo nero a dispetto di ogni regola di civile convivenza. Purtroppo, siamo alle solite nel pieno disprezzo della legge e a danno dei cittadini che subiscono da anni e senza che nessuno prenda provvedimenti esemplari.

  • Falvo Andrea1Lamezia Terme, 17 settembre 2015 - "Il problema dei fumi provenienti dal campo rom non può aspettare un anno come da Lei annunciato, chiede un intervento immediato. Anche perché non è detto che sgomberare il campo significherebbe mettere fine allo scempio dei roghi (che potrebbero invece spostarsi in altre parti della città), e la Procura non ha potere di intervento autonomo. Durante la scorsa campagna elettorale, con l’associazione Città delle Idee abbiamo condiviso una strategia che ripropongo, sperando che possa essere adottata dalla nuova amministrazione".

  • Fumi Rom 300Lamezia Terme, 8 settembre 2017 - "Abbiamo incontrato nei giorni scorsi,  accompagnati dall’avvocato Italo Reale, il procuratore della Repubblica di Lamezia Salvatore Curcio per sottolineargli l’urgenza di un’azione che ponga fine ai roghi di rifiuti nel campo Rom, urgenza già sollecitata con la presentazione di una denuncia.Ovviamente gli abbiamo anche chiesto una verifica  per individuare eventuali responsabilità nel totale blocco della procedura di smantellamento del campo, azione questa più volte finanziata dallo Stato".

  • Fumi campo Rom LameziaLamezia Terme, 25 giugno 2017 - "Era il 22 agosto del 2016, quasi un anno fa, quando il Sindaco Mascaro presentava alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia Terme una denuncia-querela per il delitto di inquinamento ambientale. "Nessuno può permettersi di infrangere impunemente le regole della comunità civile. Il Comune, a sua volta intensificherà i controlli ed accelererà le procedure finalizzate all'acquisizione dei necessari finanziamenti per lo sgombero del campo Rom”. Queste furono le sue testuali parole. Era passato già un anno dalla promessa di sgombero fatta in campagna elettorale. Ed è passato un altro anno da quest'altra promessa. E nel frattempo nuove e continue nubi tossiche si sono alzate dal campo di Scordovillo".

  • Vigili fuoco incendio ScordovLamezia Terme, 31 marzo 2019 - Squadre dei vigili del fuoco del distaccamento di Lamezia Terme sono impegnate attualmente in località Scordovillo presso il campo Rom per l’ennesimo incendio di quintali di rifiuti solidi di vario genere.

  • Isabella FioreLamezia Terme, 10 novembre 2018 - Di recente, tra Gabella e Acquadauzano, due frazioni del comune di Lamezia Terme, le fiamme si sono alzate sui cumuli di immondizie di ogni tipo, lasciati fermentare da chi è incapace di di far funzionare in modo decente il sistema di smaltimento dei rifiuti solidi. Chi ha appiccato il fuoco, però,  pensando di fare opera meritoria di ordinaria "ramazza”, ha compiuto un attentato alla sua salute e a  quella dei suoi concittadini.

  • Campo Rom fumi29Lamezia Terme, 29 luglio 2017 - Non sono bastate le "prediche", gli incontri con il sindaco, gli appelli, le manifestazioni di piazza, i propositi e tanto altro. No! Dal campo Rom di Scordovillo, o meglio dall'inceneritore Scordivillo,  il buongiorno alla città è dato con la solita colonna di fumo tossico che ormai da anni inquina i lametini.