Mercoledì, 24 Luglio 2019

Finanza auto17Lamezia Terme, 21 marzo 2016 - Importante operazione del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catanzaro che ha operato un maxi sequestro di 500milioni di euro. Secondo quanto appreso, i beni sarebbero riconducibili alla cosca Iannazzo di Lamezia Terme. Tra i beni sequestrati anche il Centro commerciale Due Mari ubicato nella periferia est di Lamezia in territorio di Maida, riconducibile all’imprenditore Francesco Perri, coinvolto nell'operazione "Andromeda".

Il sequestro dei beni è stato disposto dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Catanzaro su richiesta della Dda, Direzione distrettuale antimafia. Sequestrati anche quote societarie, automezzi, rapporti bancari, terreni, appartamenti, fabbricati e altre attività commerciali fra questi calzature, costruzioni, commercio di autoveicoli. Sotto sequestro anche l’ipermercato Midway e La Nuova Nave a Lamezia Terme. Altri beni del gruppo Perri si trovano nelle zone di Cosenza, Vibo Valentia e Reggio Calabria. Beni riconducibili a 65 persone fisiche e 44 persone giuridiche. Perri, secondo la Guardia di finanza e la Dda di Catanzaro avrebbe stretto con il capo cosca Vincenzino Iannazzo "un solido e proficuo rapporto di natura sinallagmatica al punto tale da essere definito colluso". Altri beni del gruppo Perri si trovano anche in provincia di Cosenza, Vibo Valentia e Reggio Calabria. Maggiori particolari si conosceranno al termine della conferenza stampa che si terrà a Catanzaro alle ore 11 alla presenza del procuratore Bombardieri. Oltre al Centro commerciale Due Mari  e ai supermercati La Nuova Nave e Ipermercato Midway, sotto sequstro anche supermercati ad Amantea e Decollatura. E poi ancora, Peda Calabria di Fuscaldo e i supermercati Duep di Reggio Calabria e Catanzaro. I supermercati Perri di Cosenza e la Ap Calzature e accessori di Lamezia Terme. I soggetti destinatari dei sequestri sono Vincenzino Iannazzo, Pietro Iannazzo, Francesco Iannazzo, Antonio Davoli, Giovannino Iannazzo, Adriano Sesto, Antonio Provenzano, Franco Perri.

Il "Due Mari" sotto amministrazione controllata

Non sarà chiuso, né ci sarà alcuna interruzione della sua attività, il centro commerciale "Due Mari", uno dei beni sequestrati dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Catanzaro, per un valore complessivo di cinquecento milioni di euro, nell'ambito dell'operazione denominata "Nettuno". Secondo quanto ha riferito la Dda di Catanzaro, che ha chiesto ed ottenuto dal Gip l'emissione del provvedimento di sequestro, è stato già predisposto un "pool" di professionisti che curerà l'amministrazione del centro commerciale, che potrà proseguire così regolarmente la sua attività. L'inchiesta che ha portato al sequestro dei beni è stata condotta dal pm della Dda Elio Romano sotto le direttive del procuratore della Repubblica facente funzioni, Giovanni Bombardieri.

La storia del Centro commerciale

La storia della realizzazione dell'imponente Centro commerciale "Due mari", sequestrato oggi dalla Guardia di finanza, è legata a doppio filo alla guerra tra cosche che insanguinò Lamezia Terme a partire dal 2003. La grande struttura realizzata dall'imprenditore Antonio Perri tra Catanzaro e Lamezia Terme, lungo la statale 280 detta appunto "dei Due mari", determinò nuovi assetti che avrebbero spostato l'epicentro dell'economia locale dal centro di Lamezia Terme. Decine di commercianti, a seguito della realizzazione del centro commerciale, avrebbero trasferito le loro attività in quella zona e quindi sarebbero passati sotto il controllo della cosca Iannazzo. Un cambiamento che sottraeva alla cosca Torcasio, egemone nella zona di "Capizzaglie" di Lamezia, la possibilità di controllare le estorsioni. Dapprima cercarono di impaurire i commercianti con telefonate minatorie ma, non ottenendo risultati, decisero di mandare un segnale forte. Fu per questo motivo, secondo la ricostruzione degli inquirenti, che Antonio Perri, 71 anni, fu ucciso il 10 marzo del 2003 mentre si trovava nel supermercato "Atlantico".
Fu proprio l'omicidio dell'imprenditore che fece da "detonatore" della guerra di mafia che culmina con l'assassinio di due esponenti di vertice dei Torcasio, Antonio e Vincenzo. Come risposta ai due omicidi venne trafugata la bara di Antonio Perri, con la successiva richiesta di un riscatto di 150 mila euro per la restituzione. La salma verrà ritrovata dalla polizia il 21 marzo 2008, seppellita a 50 metri dalla strada dei Due Mari. Èin questo contesto che si sarebbe consolidato il rapporto tra la cosca Iannazzo e l'imprenditore Francesco Perri, figlio di Antonio, e nuovo titolare del centro commerciale "Due Mari" arrestato nel maggio scorso, con l'accusa di associazione mafiosa, nell'ambito dell'inchiesta "Andromeda" della Dda di Catanzaro.

Lamezia, il "Coordinamento Sanità 19 Marzo" denuncia mancanza servizi Polo integrato Inail

Lamezia, il "Coordinamento Sanità 19...

Lamezia Terme, 23 luglio 2019 - "Dopo anni di abbandono e false partenze, il Polo Integrato Inail-Asp Catanzaro ubicato all’interno della struttura della Fondazione Mediterranea...

Comune Lamezia, interrogazione parlamentare sulla situazione finanziaria

Comune Lamezia, interrogazione parlamentare sulla...

Lamezia Terme, 23 luglio 2019 - Su invito e sollecitazione del movimento “Lamezia Bene Comune”, l’onorevole Ernesto Magorno ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro dell'Interno...

Duplice omicidio a Corigliano Rossano

Duplice omicidio a Corigliano Rossano

Corigliano Rossano, 23 luglio 2019 - I cadaveri di due uomini, uccisi a colpi d'arma da fuoco, sono stati trovati stamani a Corigliano Rossano. Le...

Aeroporto Lamezia, Polizia frontiera denuncia straniero per reati di sostituzione di persona e dichiarazione false generalità

Aeroporto Lamezia, Polizia frontiera denuncia...

Lamezia Terme, 22 luglio 2019 - Avrebbe voluto prendere un volo diretto a Malta, J.I.D. nigeriano di 24 anni, ma al momento dell’imbarco esibisce  al...

Aeroporto Lamezia, beccato con passaporto falso. Cittadino cinese arrestato dalla Polizia di frontiera

Aeroporto Lamezia, beccato con passaporto...

Lamezia Terme, 22 luglio 2019 - E’ stato arrestato sabato in flagranza di reato Wong Chi Man, cinese di 47 anni, che dall’aeroporto lametino avrebbe...

Roccella Jonica, barca a vela con migranti

Roccella Jonica, barca a vela...

Roccella Jonica, 22 luglio 2019 - Un gruppo di migranti di nazionalità iraniana e irachena é giunto stamattina a Roccella Jonica, nel reggino, a bordo...

Lamezia, confisca beni per 1,2mln di euro

Lamezia, confisca beni per 1,2mln...

Lamezia Terme, 22 luglio 2019 - Il Gruppo di Lamezia Terme della Guardia di finanza ha eseguito una confisca di beni, per un valore di...

Lamezia, concordato preventivo Multiservizi: intervento dell'amministratore Bevivino

Lamezia, concordato preventivo Multiservizi: intervento...

Lamezia Terme, 21 luglio 2019 - Il bilancio di esercizio 2018 della Lamezia Multiservizi spa, redatto secondo gli attuali principi contabili e di prudenza, si...

CITTA'

Lamezia, il "Coordin...

23 Luglio 2019
Lamezia, il "Coordinamento Sanità 19 Marzo" denuncia mancanza servizi Polo integrato Inail

Lamezia Terme, 23 luglio 2019 - "Dopo anni di abbandono e false partenze, il Polo Integrato Inail-As...

LAMETINO

Curinga, spiaggia sequest...

19 Luglio 2019
Curinga, spiaggia sequestrata per occupazione abusiva

Curinga, 19 luglio 2019 - Personale dell'Ufficio locale marittimo di Pizzo ha sequestrato, in locali...

CALABRIA

Duplice omicidio a Corigl...

23 Luglio 2019
Duplice omicidio a Corigliano Rossano

Corigliano Rossano, 23 luglio 2019 - I cadaveri di due uomini, uccisi a colpi d'arma da fuoco, sono...

SPORT

Gizzeria ospita World ser...

16 Luglio 2019
Gizzeria ospita World series di kite surf

Gizzeria, 16 luglio 2019 - Un centinaio di atleti di tutto il mondo si ritroveranno a Gizzeria dal 2...

contatti logo

Copyright 2018 © LAMEZIA TERME NEWS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Lamezia Terme (Cz)
Reg. Stampa n° 7/10 del 3.12.2010
Editore: Asd Violetta Club - PI: 02148570795

logo amp

WebSite  {MEDIA24WORK'S - GG}